Storia dell’agopuntura Vietnamita

            L’agopuntura è stata usata come tecnica terapeutica per migliaia di anni in Vietnam. Possiamo accertare che “il Vietnam è uno dei due paesi Asiatici, dove la pratica dell’agopuntura, e la diffusione di documenti scritti che hanno per oggetto l’agopuntura, sono comparsi per primi al mondo, in quanto non dobbiamo dimenticare che la civiltà Vietnamita è una civiltà della scrittura con tradizione molto precoce della scrittura di annali al tempo delle dinastie reali della storia Vietnamita.

            Durante il periodo di Hong Bang (2897-257 P.C.), cioè più di 40 secoli fa, i metodi di prevenzione e vari altri nel trattamento di diverse malattie sono correlate, in una maniera concreta, in un libro Vietnamita chiamato “Linh Nam Chich Quai”.

            Nello stesso periodo, il nome di un rinomato agopunturista Vietnamita si ritrova negli annali. La sua biografia può essere riassunta così: “Sotto il regno dei re Hung (2897-259 p.C.), il medico An Ky Sinh, nato nella provincia di Hai Duong (Nord Vietnam), ha guarito un paziente di nome Thoi Van Tu per mezzo di aghi e di moxibustion”.

            L’agopuntura Vietnamita ha avuto un innegabile valore curativo. Abbiamo trovato nei suoi documenti, le osservazioni su pazienti di generazioni di medici ed agopunturisti che hanno provato a desumere leggi che governano lo stato di salute e quello di malattia.

            Nel corso dei secoli, sono stati messi a punto i concetti fondamentali della medicina Orientale in generale e dell’agopuntura, in particolare, principalmente quelli sull’azione della puntura e del riscaldamento dei punti del corpo umano chiamati huyet (fossa), con lo scopo di stimolare punti ben determinati per regolare e mantenere il normale funzionamento dell’organismo, e per eliminare fenomeni di perdita dell’equilibrio, che rappresentano i fenomeni patologici.

            Come nella medicina Occidentale, prima di trattare malattie con l’agopuntura, deve essere fatta una buona diagnosi. Ma, in medicina tradizionale, a riguardo dell’evoluzione e del carico sintomatologico di una malattia, non si insiste sulla semeiologia biochimica, biografica, radiologica o sulle biopsie…, ma ci manteniamo all’interno dei limiti di un esame clinico classico.

            Per fare diagnosi, si usano essenzialmente quattro vie di esame:

Osservazione                        (vong)

Ascoltazione                        (van)

Intervista                               (van)

Palpazione, sentire il polso  (thiet)

            Nella diagnosi con queste quattro vie di esame e nel trattamento, tutte le basi del ragionamento in agopuntura sono fondate sui principi fondamentali della filosofia materiale della medicina Orientale, incluse le teorie Yin-Yang: Cinque Elementi, Organi Viscerali, Meridiani…, come: “Uomo e natura formano un unicum unitario, in altri termini, l’uomo adatta se stesso al proprio ambiente.”

            Quando un organismo è in stato di equilibrio, non c’è malattia. Quando si osserva una perdita dell’equilibrio, uno deve restaurare l’equilibrio dell’energia vitale con l’agopuntura o con piante medicinali.

            Per riassumere, nella diagnosi in medicina tradizionale, le teorie Ying-Yang e i Cinque Movimenti “, quelli degli “Organi – Visceri – Meridiani” devono essere utilizzati per discutere sull’eziologia e sulle forme cliniche delle malattie. “Le quattro vie dell’esame” devono essere usate, in associazione con le “otto nozioni importanti delle malattie” (Freddo – Caldo, Pienezza – Vuotezza, Interno – Esterno, Yin – Yang) per fare una diagnosi precisa e dare una direttiva terapeutica accurata del trattamento.

            Nel trattamento con l’agopuntura, i nostri antenati hanno fatto uso di pietre ripulite con estremità adesive (Biem thach), poi aghi di bamboo che sono stati sostituiti con quelli di bronzo quando l’età del bronzo si è succeduta all’Età Neolitica (aghi di bronzo – vi cham). Gli aghi di argento e oro sono stati usati quando gli uomini hanno scoperto questi preziosi metalli. Facciamo qui una digressione per i nostri colleghi archeologi: “L’Età del Bronzo in Vietnam è conosciuta all’estero per i tamburi ed altri oggetti designati con il nome di “bronzi” della civiltà “Dong Son” “.

            Oggi, spesso con aghi inossidabili di tipo diverso: sottili e lunghi (lunghi da ½ a 6 cm con un diametro di 0,1-0,2 mm) o spessi e lunghi (lunghi 8-30 cm e con un diametro di 0,5-1 mm). La scelta degli aghi varia a seconda di ciascuna malattia. Abbiamo visto che l’agopuntura Vietnamita ha una lunga storia ed una evoluzione ininterrotta di più di quaranta secoli.

            Il seguente punto è da sottolineare:

  1. Nel corso della sua evoluzione, l’agopuntura Vietnamita ha sempre avuto scambi e relazioni arricchendosi molto sia sul piano teorico che su quello sperimentale, ed ha compiuto ricerche scientifiche, con gli altri paesi: Laos, Cambogia, ex-Unione Sovietica, Repubblica Ceca, Slovacchia, Bulgaria, Corea, Cuba, Cina, Giappone, Algeria, Angola, Francia, Italia, Svizzera, Belgio, Olanda, Messico, Spagna, U.S.A., Australia, etc.

Oggi, l’agopuntura del Vietnam ha ottenuto un nuovo progresso: il suo uso nel trattamento delle malattie si è ampliato al campo dell’analgesia per sostituire l’anestesia da medicamenti.

Nonostante ciò, le persone sono state sorprese nel sapere che l’analgesia da agopuntura elimina il dolore negli interventi chirurgici, e che i pazienti operati mantengono tutta la loro coscienza e lucidità.

In Vietnam, piccoli interventi sono stati dapprima attuati sugli stessi praticanti, e queste sperimentazioni sono state portate a termine con successo. Nel corso di 27 anni (1969-1996), abbiamo operato in analgesia da agopuntura 28920 casi compresi più di 60 tipi di interventi piccoli, medi e grandi. In tutti i casi, non ci sono stati accidenti o incidenti.

            L’analgesia da agopuntura provoca solo piccoli disordini fisiologici: in generale, la pressione arteriosa, il polso, la respirazione, l’elettrocardiogramma dei pazienti sono stabili durante le operazioni.

            I risultati soddisfacenti si sono ottenuti in Vietnam grazie ad una tecnica di precisione basata su teorie di medicina tradizionale e sperimentazioni cliniche.

            In Vietnam, abbiamo ottenuto un certo numero di risultati incoraggianti nella ricerca e nella pratica dell’agopuntura, inclusa l’analgesia da agopuntura. Ancora, dobbiamo portare avanti ricerche sui meccanismi dell’agopuntura per aumentare l’efficacia di questa scienza Orientale per meglio servire la salute della gente Vietnamita e dell’intera umanità.

(Tratto da Professor Dr. Nguyen Tai Thu, Ph.D. Tran Phuong Dong “Semiology Therapy And Analgesia In Acupuncture”, THE GIOI PUBLISHER, Ha Noi, 2013)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: